Triskel182

C’è una bicicletta rimasta legata a una ringhiera, davanti al Bataclan. È lì da un mese. Adesso è coperta di fiori, candele, quelle cose lì. È difficile immaginare un’armonia del vivere più pacata, semplice e leggera: andare in bici, a un concerto, il venerdì sera, con gli amici.

Per la nostra ultima giornata di weekend a Parigi la mia giovane amica B. – cervello italiano in fuga – ci ha tenuto la bambina e ci ha spedito a cena in uno dei suoi ristoranti preferiti, che dal Bataclan sta a due passi: «Già che siete lì girate un po’ il quartiere, capirete meglio che cosa hanno attaccato davvero del nostro famoso ‘modo di vivere’», ci ha detto.

View original post 438 more words

Advertisements