Triskel182

Ellekappa

Vista dall’alto, l’ultima settimana di cronaca giudiziaria (cioè politica) ha le sembianze di un termitaio impazzito di potenti in fuga, inseguiti e perlopiù acciuffati dai gendarmi. Nel giro di pochi giorni Silvio B. ha raggiunto il suo status naturale, quello di detenuto per frode fiscale. Il suo braccio destro, Marcello D., piantonato in Libano da settimane e condannato per mafia, sta per essere rimpatriato direttamente all’Ucciardone o San Vittore o Regina Coeli (a sua scelta). Lo storico coordinatore nazionale di FI, Claudio S., è al gabbio per aver agevolato la fuga del fondatore del partito in Calabria, Amedeo M., condannato per ‘ndrangheta. Il capo di FI in Campania, Nicola C., è in cella per camorra. La piccola vedetta lombarda Gianstefano F. è dentro per tangenti. Gli fa compagnia, in una cella a due piazze, bicamerale, il faccendiere de sinistra Primo G. Senza dimenticare il ras forzista di Liguria, Luigi G…

View original post 496 more words

Advertisements