Triskel182

AltanLa vignetta di Altan di oggi ci dice perfettamente dove ci hanno portato questi ultimi trent’anni: alla nostalgia del lavoro.

Mi viene da dire: alla nostalgia della schiavitù, della fatica, dello sfruttamento. Perché questo è stata (e dove resiste è ancora) la fabbrica.

Già. Quando arrivò il profetico libro di Rifkin, tutti ci dicemmo: interessante, illuminante, ma poi? Ma dopo?

Non immaginavamo che il dopo sarebbe stato una società in cui la ricchezza (finanziarizzata e quindi diventata in buona parte una variabile indipendente dal lavoro) proprio per questo si sarebbe concentrata nelle mani di così pochi, mentre tutti gli altri stanno a strapparsi i pezzettini dell’altra fetta, quella ancora prodotta dal lavoro. E non immaginavamo quindi che sarebbe scoppiata anche questa guerra atomizzata tra poveri, fra chi un lavoro ce l’ha decente, chi ce l’ha indecente, chi ne non ce l’ha proprio, chi ce l’ha ogni tanto, e…

View original post 159 more words

Advertisements