Triskel182

Gentile monsieur Stéphane Solomon, considero una provocazione stimolante la lettera da Lei scritta alla maestra di suo figlio per chiederle il permesso di scontare in sua vece la punizione che l’insegnante ha inflitto al bambino. La storia è presto detta. La maestra sgrida un’alunna impacciata: «Tu leggi proprio male!». Il piccolo Solomon, suo figlio, vive sulla propria pelle l’umiliazione inferta alla compagna e redarguisce l’insegnante: «Così non si fa!». La maestra punisce l’atto di insubordinazione mettendogli una nota e, quando lui per reazione sbatte il quaderno sulla cattedra, gli infligge un’ora di castigo.

View original post 167 more words

Triskel182

ponte-sullo-strettoQuesti 5Stelle sono nati con la camicia. Ogni volta che fanno una boiata, Renzi riesce a farne una più grossa e a rimettere le cose (e i sondaggi) in equilibrio. Se poi la tv e giornaloni raccontassero tutte le boiate del Pd e del governo con gli stessi spazi e la stessa morbosità che dedicano a quelle dei 5Stelle, si capirebbe che questi sono ancora dei dilettanti. Ieri la giunta Raggi ha perso per strada l’ennesimo assessore al Bilancio, il giudice contabile Salvatore Tutino, finito nel tritacarne stavolta non della stampa cattiva, ma delle faide interne al M5S. Sputtanato senza motivo da Fico & Ruocco, che hanno riesumato una vecchia interrogazione parlamentare basata sul nulla: l’accusa al governo Letta di averlo nominato in una certa data per garantirgli un superstipendio oltre il tetto nel frattempo fissato per legge, tetto che invece si applicò retroattivamente a tutti, Tutino incluso.

View original post 734 more words